aggiornato il
2 Giu 2009

statistiche

La poesia dialitéla

invia la tua poesia dialettale

di: Francesco Talanti
da: Traduzione della DIVINA COMMEDIA

E prem cant d'l'Inferan

An sera piò un zuvnot e gnanca anzian
quand am truvè int' un bosch ch'l'era tant scur
senza un sintir in vel, e fura d'man.

Biografia dell' Autore Altre Opere
Notizie sul Libro Fonte delle Informazioni

Il primo canto dell'Inferno

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi trovai per una selva oscura
ché la diritta via era smarrita.


di: Tonino Guerra
da: I bu, poesie romagnole

I bu

Andè a di acsè mi bu ch' i vaga véa,
che quèl chi à fat i à fat,
che adèss u s'èra préima se tratòur.

E' pianz e' cór ma tótt, ènca mu mè,
avdài ch'i à lavurè dal mièri d'an
e adès i à d'andè véa a tèsta basa
dri ma la córda lònga de mazèl.

Biografia dell' Autore Altre Opere
Notizie sul Libro Fonte delle Informazioni

I buoi

Andate a dire ai buoi che vadano via
che il loro lavoro non ci serve più
che oggi si fa prima ad arare col trattore.
E poi commoviamoci pure a pensare
alla fatica che hanno fatto per migliaia d'anni
mentre eccoli lì che se ne vanno a testa bassa
dietro la corda lunga del macello.

di: Tonino Guerra
da: I bu, poesie romagnole

I scarabócc

Quést l'è al murài
e quést l'è i scarabócc
ch'a féva da burdèl
se calzinàz,
da mén da ch'ò tachè
andè dri me braz
par fè una réiga lònga
e quèlch invrócc.

Quést l'è al murài
e quést l'è i scarabócc.

Biografia dell' Autore Altre Opere
Notizie sul Libro Fonte delle Informazioni

Gli scarabocchi

Questo è il muro
questi gli scarabocchi
che facevo col gesso da bambino
quando ho imparato
a seguire il braccio
per fare una riga lunga e qualche svolazzo.

Questo qua è il muro
questi gli scarabocchi.

di: Tonino Guerra
da: Il Polverone

La dmènga specialmént

La dmènga specialmént
quant ch' u n gn'è niséun ad chèsa
e a sémm a là vérs la fóin ad zógn,
a vagh ad fura se teràz
par stè a sintói che adlà di méur
la zità la sta zétta.

Biografia dell' Autore Altre Opere
Notizie sul Libro Fonte delle Informazioni

La domenica specialmente

La domenica specialmente
quando non c'è nessuno in casa
e siamo là verso la fine di giugno,
vado fuori sul terrazzo
per stare a sentire che al di là dei muri
la città sta zitta.


di: Olindo Guerrini
da: ...

VIAZZ

Da Ravenna a ruzzlessom a Milan,
Sempar in bicicletta, e pu in Piemont
Fena a e' mont Rosa, ch'l'è un vigliac d'un mont

D'un'altezza sparversa sora e' pian.

Al rapessom a pé st'e' fiol d'un can
E, calè zo, fassessom dietro front
E da la Lumbardì, fa pu e' tu cont,

Biografia dell' Autore Altre Opere
Notizie sul Libro Fonte delle Informazioni

Ch'a travarsessom nenca e' Venezian

Ui era al gross manovra e par quest
As la gambessom par scansè l'intrig

D'la porbia, d'i cariagg e d'tott e' rest

E icsé, dop avè fatt tanti fadigh,
Arrivessom tott du fena a Triest
Indov ch'fa sbocia i nostra bon amigh.


di: Guido Lucchini
da: Barafonda

E'mi bà Tugnin

Quand ch'a séra znin e' mi bà u m purtèva se canòn dla biciclèta, a m'arcord che una volta per guardè drè m'al dòni a sémm andè te fòs. Adès ch'a so bèla véc a port i mi anvudin se canòn dla biciclèta e a guerd drè m'al dòni, alora a peins...Per furtuna che i fòss in gnè piò.

Biografia dell' Autore Altre Opere
Notizie sul Libro Fonte delle Informazioni

Mio padre Antonio

Quando ero piccolo mio padre mi portava sulla canna della bicicletta, mi ricordo che una volta, per guardare dietro alle donne, siamo andati nel fosso. Adesso che sono ormai vecchio, porto i miei nipotini, sulla canna della bicicletta, e guardo dietro alle donne, allora penso...Per fortuna che i fossi non ci sono più.

iziunérie
od ad dì

oesie
acùnt
ìbre

utori vari
òza
ucugian
olfo
ttore
igìn
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadén
vàn
uovo.1

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it è un servizio
Il vostro indirizzo IP è 54.234.255.29 State utilizzando CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/).