aggiornato il
2 Giu 2009

statistiche

i Lbre

segnala libri dialettali

Guido Lucchini:

Barafonda
"storie di gente alla buona"
e versi in dialetto romagnolo

...un rettangolo di terra, oggi fortemente urbanizzato, tra il deviatore del Marecchia e il portocanale a Nord di Rimini, con un tratto profondo di spiagge protetto da scogliere di recente collocazione. Fino agli anni 30 raccoglieva una comunit solidale di ortolani e di pescatori. Oggi gli orti non ci sono pi.[...]

Pagine tratte da: Guido Lucchini, Barafonda, Pietroneno Capitani editore, Rimini, 1996.
Barafonda

Risalire alle origini che hanno dato il nome alla zona subito a ponente del molo di Rimini (che ebbe in seguito il nome Barafonda) difficile. Anticamente, questa parte di litorale era devastato dalle frequenti alluvioni provocate dalle piene del fiume Marecchia. Di conseguenza, i terreni in questione, erano paludosi ed inabitabili. Si dice che il nome Barafonda sia legato alla bara del Santo Giuliano ritrovata sulla battigia del mare (forse fra Rivabella e Viserba). Bara, si dice, che non si pot rimuovere nemmeno con l'aiuto di diverse paia di buoi.

Solo con un paio di vitelli giovani fu possibile trascinarla verso l'interno; ad un certo punto i vitelli si fermarono, e da l la bara non si mosse pi. In quel sito sgorg una fonte d'acqua finissima, la Sacramora (Sacra dimora)...[...]

I sgnr

I' arveva vers mizd, s'la su Balilla, dni sa di vistid longh, ttt fiurd e di gran capll ad paia.
I burdll biench, palid, calzun sra al znoc, scherpi ad pla locida e calztt zl. E su ba che gva, intent che trva z al valisi, "andegna, andegna, ch'andegn al mr".

I signori

Arrivano verso mezzogiorno, con la Balilla, donne con dei vestiti lunghi, tutti fiori, e dei gran cappelli di paglia. I bambini bianchi, pallidi, calzoni sopra le ginocchia, scarpe di pelle lucida e calze gialle. E il loro babbo che diceva, mentre tirava gi le valigie "andiamo, andiamo, che andiamo al mare".

E'mi b Tugnin

Quand ch'a sra znin e' mi b u m purtva se cann dla biciclta, a m'arcord che una volta per guard dr m'al dni a smm and te fs. Ads ch'a so bla vc a port i mi anvudin se cann dla biciclta e a guerd dr m'al dni, alora a peins...Per furtuna che i fss in gn pi.

Mio padre Antonio

Quando ero piccolo mio padre mi portava sulla canna della bicicletta, mi ricordo che una volta, per guardare dietro alle donne, siamo andati nel fosso. Adesso che sono ormai vecchio, porto i miei nipotini, sulla canna della bicicletta, e guardo dietro alle donne, allora penso...Per fortuna che i fossi non ci sono pi.

iziunrie
od ad d

oesie
acnt
bre

utori vari
za
ucugian
olfo
ttore
ign
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadn
vn
uovo.1

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it un servizio
Il vostro indirizzo IP 3.84.186.122 State utilizzando CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/).