aggiornato il
2 Giu 2009

statistiche

lý Biografý

segnala libri dialettali

Tonino Guerra:

Qualcosa su di me *

Biografia dell'Autore
Altre Opere
Fonte delle Informazioni

* Breve autobiografia pubblicata nel volume: Tonino Guerra, a cura del Dicastero Cultura Rep. S. Marino, Maggioli editore, Rimini, 1985; successivamente integrata dall'autore stesso.

'Sono nato a Santarcangelo di Romagna nel 1920.
Un'infanzia con le strade di terra battuta e le siepi con piccoli uccelli. Sono stato un grande cacciatore di lucertole e me ne vergogno. Ho studiato al mio paese, a Forlimpopoli e a Urbino dove c'erano dei professori eccezionali.
Mia madre era analfabeta. Le ho insegnato a scrivere. Ho letto il suo testamento nella casupola sulla sponda del fiume Uso, dove eravamo sfollati al tempo del fronte. Cosý era scritto sul foglio nascosto nell'astuccio di cartone dei suoi occhiali da vista:
Lasio tutti i miei beni a mio marito da fare tutto quello che vole.
Carabini Penelope
A quel tempo mia madre possedeva dei vasi di fiori.
Qualche giorno dopo mio padre, grande amico degli animali, mi manda a Santarcangelo a portare qualcosa da mangiare al gatto che avevamo abbandonato nella casa di via Verdi.
Cosý sono stato deportato in Germania.
In prigione ho cominciato a scrivere delle poesie in dialetto per tenere compagnia a dei contadini romagnoli che erano con me nel campo di concentramento di Troisdorf.
Sono arrivato alla stazione di Santarcangelo una mattina d'agosto del 1945. Credevano fossi morto. Per non spaventare mio padre e mia madre ho impiegato un giorno a percorrere il chilometro di strada che c'era tra la stazione e casa nostra di allora. Seduto sulla sponda di un fosso mandavo qualcuno a casa ad avvertire che c'erano in Altitalia ancora dei prigionieri che tornavano. Nel pomeriggio ho deciso di farmi vivo. Mio padre mi aspettava sulla porta di casa.
Non ci eravamo mai dati nÚ baci nÚ strette di mano; appena dei segni. Mi fermo a quattro metri da lui per non metterlo in imbarazzo. Il babbo mi guarda a lungo stringendo il mezzo toscano in bocca, poi toglie il sigaro spento e mi chiede:
-Hai mangiato?
-Moltissimo - rispondo.
Lui se ne va indaffarato verso il paese, senza girarsi neanche pi¨ indietro. Quando pi¨ tardi, circondato da parenti e paesani, siedo nella camera che chiamavamo "la saletta", arriva un uomo con una piccola valigia in mano.
-Cerca qualcuno? - gli chiedo.
-Sono il barbiere. Suo padre mi ha detto che devo fargli la barba.
Mi tocco il viso e mi accorgo di avere la faccia con la barba di due giorni.
Nel '46 Carlo Bo ha scritto la prefazione a un libretto di poesie in dialetto che ho pubblicato a mie spese, I Scarab˛cc (Gli scarabocchi) e cosý mi ha tirato fuori dall'ombra. Poi sono stato a Roma e mi sono buttato a scrivere sceneggiature. Col tempo ho pubblicato due libri nella collana I gettoni diretta dall'amatissimo Elio Vittorini. Pi¨ tardi I bu, la raccolta di tutte le mie poesie in romagnolo con un saggio di Gianfranco Contini, grande uomo che continuo a ringraziare anche quando lo nominano sui giornali. E ogni tanto delle storie in italiano che pubblicava Bompiani. Sono tornato al dialetto col Miele edito da Maggioli, che Ŕ stato tradotto anche in Francia, e ho scritto una favola in italiano che contiene anche il sapore di un viaggio incantato nella Georgia, repubblica caucasica dell'ex Unione Sovietica. Si chiama La pioggia tiepida e ha vinto nel 1984 il premio Comisso. Ho scritto anche un poema che si intitola La Capanna.
Per molti mesi sono tornato a vivere in Romagna, a Santarcangelo e ho cercato di animare il mio paese con degli avvisi e manifesti che ora si trovano nel grande ambiente della Sangiovesa, la trattoria che ora Ŕ diventata un punto di incontro di mezz'Italia.
Dal 1989 abito a Pennabilli, il paese dove mio padre portava frutta e verdura, prima con i cavalli poi con un piccolo camion che tornando a Santarcangelo riempiva di carbone e legna.
Ho scritto diversi libri di poesia, e anche libri di racconti e diari. Tutte queste pubblicazioni si trovano dall'editore Maggioli di Santarcangelo.
Per quanto riguarda il cinema, a occhio e croce, penso di aver scritto una novantina di film, guadagnando molti premi e molte nomination all'Oscar: Amarcord ha vinto l'Oscar.
Ora il cinema si sta allontanando da me, tuttavia continuo a collaborare con Rosi, Antonioni e Theo Anghelopulos con il quale da poco ho finito di sceneggiare il sesto film che ha per titolo L'eternitÓ e un giorno (vincitore del Festival del Cinema di Cannes nel 1998, n.d.r.).
Mi piace se piove o anche quando la nebbia copre completamente la valle del piccolo affluente del Marecchia, il Messa, e io ho l'impressione di vivere con me stesso'.
Cenni biografici
Antonio (Tonino) Guerra, nato a Santarcangelo di Romagna il 16 marzo 1920, inizia a comporre poesie in lingua romagnola durante la sua prigionia nel campo di concentramento di Troisdorf, in Germania, poesie poi raccolte nel volume I scarabocc ('46). Esordisce quindi come scrittore nei Gettoni diretti da Elio Vittorini per Einaudi: Ŕ l'inizio degli anni '50 e Guerra soggiorna assai frequentemente a Roma, dove finisce per stabilirsi a partire dal '53.
Frequentando la casa del pittore Lorenzo Vespignani, divenuto suo amico, fa la conoscenza di Elio Petri, Giuseppe De Santis (con cui debutta come soggettista in Uomini e lupi nel '57), e Aglauco Casadio (con lui invece il debutto come sceneggiatore in Un ettaro di cielo nel '59).
Alla fine degli anni '50 avviene l'incontro decisivo con Michelangelo Antonioni: Guerra collaborerÓ alla realizzazione di tutti i suoi film, a partire da L'Avventura ('60), eccezion fatta per Professione Reporter.
Fino ad oggi, i piu' grandi registi sono ricorsi alla sua preziosa esperienza di sceneggiatore: De Sica, Monicelli, i fratelli Taviani, Rosi, Tarkovskij, Fellini (decisivo il suo contributo ad Amarcord, inno poetico alla "romagnolitÓ", vincitore del premio Oscar), Wenders, Angelopoulos (con il quale nel 1998 ha vinto la Palma d'oro al Festival del Cinema di Cannes per il film 'L'eternitÓ e un giorno') e molti altri.
Poeta e narratore, Guerra ha pubblicato per la Maggioli: Il Miele ('81), L'Aquilone. Una Favola senza tempo ('82, con Antonioni), La Capanna ('85), Il Viaggio ('86), Il Libro delle chiese abbandonate ('88), L'orto d'Eliseo ('89); per la Bompiani dal '67 al '78: L'equilibrio, L'uomo parallelo, I cento uccelli, Il Polverone (edito nel '92 anche da Maggioli); per la Rizzoli (la sua opera poetica dialettale Ŕ riunita nel volume I Bu del '72)...
Tonino Guerra dal 1989 vive e lavora a Pennabilli, centro del Montefeltro che per l'amore dimostrato nei confronti di questo territorio gli ha conferito la cittadinanza onoraria. Qui ha dato vita a numerose installazioni artistiche. Si tratta di insoliti giardini-museo e mostre permanenti che vanno sotto il nome de "I Luoghi dell'anima". Tra di essi l'Orto dei frutti dimenticati, il Rifugio delle Madonne abbandonate, la Strada delle meridiane, il Santuario dei pensieri, l'Angelo coi baffi, il Giardino pietrificato.
iziunÚrie
od ad dý

oesie
ac¨nt
ýbre

utori vari
˛za
ucugian
olfo
ttore
igýn
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadÚn
vÓn
uovo.1

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it Ŕ un servizio
Il vostro indirizzo IP Ŕ 18.210.23.15 State utilizzando CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/).