aggiornato il
2 Giu 2009

Racùnt

invia il tuo racconto dialettale

Un gòzzal d'aqua
(L'albero dell'acqua di Tonino Guerra)

Tótt' al vólti che da la Pènna
a vagh a Santarcànzal sla curira,
éulta Petraghéuda u i è una staziòun
abandunèda da zinquènt'an
senza piò al rudài davènti
indò ch'e' pasèva e' treno a scartamént ridótt
ch'l'avnéva sò da Rémin sla pózza de pèss
e pu e' turnèva sl'udòur dla móffa di furmai.[...continua]

Un goccio d'acqua
(L'albero dell'acqua di Tonino Guerra)

Tutte le volte che da Pennabilli
vado a Santarcangelo in corriera,
dopo Pietracuta c'è una stazione
abbandonata da cinquant'anni
senza più le rotaie davanti
dove passava il treno a scartamento ridotto
che veniva su da Rimini con il puzzo del pesce
e poi tornava con l'odore della muffa dei formaggi.[...continua]

Utòubar
(L'Órt ad Liséo di Tonino Guerra)

La próima vólta ch'a l'ò vést
e' ziréva dal pàiri
par mèttli sla pènza vólta me sòul
indò ch'al s'era infràidi.[...continua]

Ottobre
(L'Orto d'Eliseo di Tonino Guerra)

La prima volta che l'ho visto
rivoltava delle pere per metterle con la pancia al sole nel punto dov'erano ammaccate.[...continua]

La vala dal cisi biènchi
(E' lóibar dal cisi abandunèdi di Tonino Guerra)

Agli era dòg al cisi biènchi ch'al spichéva dróinta la vala.
Próima u s'è ròt i vóidar mal finèstri, pu tótt al pórti agli è dvénti fròli e i ciód i dindléva tra la chèrna fràida dagli asi crociféssi ch'agli era pini 'd béus.[...continua]

La valle delle chiese bianche
(Il libro delle chiese abbandonate di Tonino Guerra)

Erano dodici le chiese bianche che spiccavano dentro la valle. Prima si sono rotti i vetri delle finestre, poi tutte le porte si sono infradiciate e i chiodi si muovevano tra la carne marcia delle assi crocefisse che erano piene di buchi.[...continua]


"Mistighenza"
(Mistighenza di Elvino Galluzzi)

Vers la fin d j ann '20 divers calzuler, oltre a vend li scherpie chi cumpreva già fatie, pri arutundé al mégre bilénc i s'arangieva a fe li arsuladurie e i soratach e, a richiesta, anche li scherpie novie su amsura, come i sartur i vistid.[...continua]

"Mistighenza"
(Mistighenza di Elvino Galluzzi)

Verso la fine degli anni '20 diversi calzolai, oltre che a vendere scarpe che compravano già fatte, per arrotondare il magro bilancio si arrangiavano a fare le risolature i sopratacchi e, a richiesta, anche le scarpe nuove su misura, come i sarti con i vestiti.[...continua]


"Letra m'un Dutour acsè per roid"
(Valderico Mazzotti)

Avoiva mael te stomghi, dop magnè e andae de corp u m feva un pò rabiè.
Te t'à m'è fat la tu bela rizeta, qualcosa, acsè, per regulaè la dieta, e pò t'm'è mand a fae i "RAGI" tl'uspidael.
Mèga a pos dòi ch'i m'epa fat trop mael, però i m'ha bòt mez nud s'un tavulaz, prilèndmi ad quà e ad là cumè un baldaz, s'un bivaroun ch'i m deva taent da spèss, che, quand ch'à chègh, a chègh ancoura è zess!!
O che j avrà vèst mael, o te ta 'n ghè capì, t'mè mand a fae una "GASTROSCUPI'".
Mèga per lamantem, mo che tubet, ch'i t'instèca zò tla goula senza smet, u m deva una fata sensazioun ch'i vlès faem fae la "caca" s'un bastoun.
S'la fòss finida a lè andrèsmi ben, mo un'aenta idea a là tla testa u t'ven: "t'vù andae, ch'a t'mand a fae l'ECOGRAFI'?".
Và ben!! Andèma pò!! Ch'sà possi dì?!! I m'ha ount tot s'una spece d'unzioun, cum ch'è cundès e pèss è bon Fis-cioun, e ho pensae:"Burdèl!!!
Sa stla cundida i m'mèt soura al gradeli e la è fnida!!".
Invici ho vèst un bel televisour, ch'u n feva nisul mael, nisun rumor, ch'u m'ha fat voida tòt i mi intestoini.
Fura a sèm bèl!!! Me drointa, che casoin!!!
La n'è fnida ancoura è mi dutour: sicom ch'è dura sempra è mi dulour, t'mè fat un aent bigliet ch'a n l'ho capì: "L'è quent-t'è det-l'è la RETTOSCOPI'".
Aloura a m'sò incazae propri da bon.
Te t'vria che mu me, m'un pori Non, ch'l'è sempra stae taent zlous de su di drì, ch'i t'j infilès un tub? Mo un tub ma chì? Dutour!!
Me a t voi ben cumè m'un fioul, mo stavolta a dègh ad nòòò!!
Nu m toca è cul!!!
Pro Scritmun:
Invici a l'hò fat che bròt pastroch: la mi paura adèss:
c'a dventa un fnòc'!!!

"Lettera ad un dottore tanto per riderci sù"
(Valderico Mazzotti)

Avevo dolori allo stomaco dopo aver mangiato ed andare di corpo mi faceva un pò arrabbiare.
Tu, tanto per regolare la dieta mi hai fatto una bella risata e mi hai mandato a fare i raggi all'ospedale.
Non posso affermare che mi abbiano fatto male, però mi hanno buttato mezzo nudo su un tavolaccio, premendomi qua e la come fossi uno straccio, e con un biberon mi davano tanto da dietro, che, quando cago, cago ancora il gesso!!
O avranno visto male, o che te non hai capito, mi hai mandato a fare una "GASTROSCOPIA'".
Mica per lamentarmi, ma quel tubetto, che ti infilano nella gola e spingono senza smettere, mi dava la sensazione che volessero farmi fare la cacca con un bastone.
Se fosse finita qui andremmo bene, ma un'altra idea la nella tua testa ti viene: "vuoi andare, che ti mando a fare l'ECOGRAFIA?".
Va bene!! Andiamo pure!! Cosa posso dire?!! Mi hanno unto tutto con una specie di unzione, come per condire il pesce, e allora ho pensato:"Burdèl!!!
Con questa condita mi mettono sulla graticola e stavolta è finita!!".
Invece ho visto un bel televisore, che non faceva nessun male, nessun rumore, e che mi ha fatto vedere tutti i miei intestini.
Fuori siamo belli!!! Ma dentro, che casino!!!
Non è ancora finita, caro il mio dottore: siccome perdura ancora il mio dolore, mi hai fatto un'altro biglietto che non l'ho capito: "E quello che ti ho detto, la RETTOSCOPIA".
Allora mi sono arrabbiato proprio per bene.
Te vorresti che io, a un povero nonno, che è sempre stato tanto geloso del suo didietro, che gli infilassero un tubo? Ma un tubo a chi? Dottore!!
Io ti voglio bene come a un figlio, ma stavolta ti dico di no!!
Non mi toccare il culo!!!
Post Scriptum:
Invece l'ho fatto quel brutto pastrocchio: la mia paura adesso:
che divento finocchio!!!

iziunérie
od ad dì

oesie
acùnt
ìbre

utori vari
òza
ucugian
olfo
ttore
igìn
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadén
vàn
uovo.1

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it è un servizio
Il vostro indirizzo IP è 54.81.110.114 State utilizzando CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/).