aggiornato il
2 Giu 2009

Gigin 'd Zbaraca

manda una letra ma Gigin


"...quel dla filastroca ch'el st sta e pont"
Zbaraca un' e nom de mi casd,
intinim a'ho ps 'na mza vita a spigh
ch'a'n so parent sa "Gigin",
tent che ormai am so afiziun,
cum ch'el fosa un p e mi non.
Quatre pient c'a feva da znein,
quent i cumpaign im la canteva sta e ns,
e im ciapeva per e cul.
Tachd ma quest p, ui n'ent ft;
che da burdlt a steva ad chsa spess e pont dla ferovia,
ai paseva sta sno d volt e d, pri'nd scola,
ma e chs e vleva che im ciapeva sempre ch'a sra i l sta.
Ogni tent arpas sta che pont, anca a pd,
e ades c'a so un p crisd, e "mj pont 'd Zbaraca",
um per znein na granmasa, tent ch'a fac la msa da sbas la testa.
Alora l'am vn in ment la filastroca e a stciaf 'na riseda,
mo intent ch'a rid am guerd spsa e cul...

"...quello della filastrocca del ponte"
Zbaraca non il soprannome della mia famiglia, ad ogni modo, dopo aver passato una mezza vita spiegando che non sono parente con quel "Gigin", oramai mi sono affezionato a lui, quasi come se fosse un mio nonno.
Quattro pianti da bambino, quando i compagni mi cantavano la filastrocca sotto il naso, e si prendevano gioco di me.
Come se non bastasse, c'era poi il fatto che da bambino abitavo proprio dietro al ponte della ferrovia, e lo attraversavo solo due volte al giorno per andare a scuola, ma il caso voleva che mi incontravano sempre mentre ero li sotto.
Ogni tanto passo sotto quel ponte, anche a piedi, ed ora che sono cresciutello, il "mio ponte di Sbaracca", mi sembra molto piccolo, al punto che mi viene quasi spontaneo fare il gesto di inclinare la testa.
Allora mi torna in mente la filastrocca ed ora ci rido, ma mentre rido e lo attraverso mi guardo dietro...





E nemig ma chsa
Vuil a sarivie curios
'd sav chi el cl', o mej c'lia?
Mo se propria an fosa sigur
ad quel c'ho fat al vel giria.
"Tut t'zi trat la zapa si pd!"
...im giva 'i amig
"E p...snt cum zcor...
tut t'zi imbastardd!"
Oh burdel, arspondiva,
quant'leia la zcor
miga a stag da sint, parch!
"Ec sent..." i ds
"ui met anca el parch da pid !!"

L' fnida p c'ho dt
"si, parch" anca me pret,
ma um'ha spus listess...
a sin and a magn e pess,
e quant che so rtorne chesa,
am so rtrov sa la bsarsa!!!

Il nemico dentro casa
Voi sareste curiosi / di sapere chi costui meglio o colei? / Se non fossi proprio convinto / di quello che ho fatto non ve lo direi / "Ti sei dato la zappa sui piedi!" / mi dicevano gli amici. / "E poi senti come parli / ti sei gi imbastardito!" / Oh ragazzi, rispondevo / quando lei parla mica sto a sentire, perch! / "Ecco senti" dicevano / "ci mette anche il perch alla fine della frase !!"(1) / E' poi finita che ho detto / "si, perch" anche al prete / ma mi ha sposato lo stesso / poi siamo andati a mangiare il pesce / e quando sono tornato a casa / mi sono ritrovato con la pesarese!!!

nota(1): Il perch alla fine della frase di uso comune nella lingua parlata a Pesaro, ed quindi facile capire se l'influenza al modo di parlare dovuta dal frequentare in modo continuativo persone della zona di Pesaro.



scusandomi per il mio linguaggio,
che denota scolarizzazione di basso lignaggio,

salutazioni, "Gigin"

iziunrie
od ad d

oesie
acnt
bre

utori vari
za
ucugian
olfo
ttore
ign
Pzz
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadn
vn

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it un servizio
Il vostro indirizzo IP 54.81.110.114 State utilizzando CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/).