aggiornato il
2 Giu 2009

statistiche

i Lìbre

segnala libri dialettali

Tonino Guerra:

Il Miele (E' Mél)

Pagine tratte da: Tonino Guerra, Il Miele, Maggioli editore, Rimini, 1982 (Premio Biella). (fonte)
Cantèda zóinch

Pirìn dagli Évi l'à e' nóm de su por bà
che a la su volta l'éva quèl de nòn,
insòma i Pirin dagli Évi in finés mai
e i féva un mél
ch'l'éva l'udòur dla ménta.
La chèsa a mèza còsta,
la è dalòngh da e' paàis e da la vala.

Vuìlt a n savói che in Amèrica, in primavéra,
u i è i tréni ch'i pasa tal pianéuri quérti 'd móil e pésgh
e i pórta i bózz sagli évi
ch'al fa al rufièni da fiòur a fiòur
chè i rèm i n s móv par fè a l'amòur
e i n'aróiva a sguzlè tal campanèli.

Quèst l'è e' mistir che fa Pirìn in primavéra:
e porta i bózz in ziréun tla campagna
e pu l'aspèta tl'òmbra che i chéul dagli évi,
lòvvi e smanèdi, i mètta incinta i fiéur.
Ecco parchè e' nas i frótt
se no u n gn'i sarébb nè màili, nè pésghi e iniquèl.

Canto quinto

Pierino delle Api ha il nome di suo padre
che a sua volta aveva quello del nonno,
insomma i Pierino delle Api non finiscono mai
e facevano miele
con l'odore della menta.
La casa, a mezza costa,
è lontana dal paese e dalla valle.

Voi non sapete che in America, a primavera,
ci sono i treni che passano nelle pianure di meli e peschi
e portano le arnie delle api
che fanno da ruffiane da fiore a fiore
perché i rami non si muovono per fare all'amore
e non arrivano a sgocciolare dentro le campanule.

Questo è il mestiere che fa Pierino in primavera:
porta le arnie in giro nelle campagne
e poi aspetta all'ombra che i culi delle api,
golose e impazienti, ingravidino i fiori.
Ecco perché nascono i frutti, altrimenti
non ci sarebbero né mele, né pesche, più niente.

Cantèda zdòt

Quant che ma Pìdio e' calzulèr
u i è scap e' méral, émm aspitè
sl'avnéva te curtóil e ogni òmbra che paséva,
e' paréva ch'e'fóss léu. E invéci u n'éra.

Però una sàira sòura la siva dal cani
u i éra una ròba nira ch'la dindléva
e la s guardéva sa di ucìn ch'l'éra péunti da curtèl.
Alòura a s sémm scansè da la finèstra
e a fémmi fóinta da spustè al scaràni.

Canto diciottesimo

Quella volta che a Pidio il calzolaio
è scappato il merlo dalla gabbia, lo aspettavamo
nel cortile e ogni ombra che passava
sembrava lui. E invece non era.

Finché una sera, sulla siepe di canne,
qualcosa di nero dondolava
e ci guardava con occhietti che erano punte di coltello.
Allora ci siamo staccati dalla finestra
e fingevamo di spostare le sedie.

iziunérie
od ad dì

oesie
acùnt
ìbre

utori vari
òza
ucugian
olfo
ttore
igìn
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadén
vàn
uovo.1

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it è un servizio
Il vostro indirizzo IP è 3.80.85.76 State utilizzando CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/).