aggiornato il
2 Giu 2009

statistiche

i Lìbre

segnala libri dialettali

Tonino Guerra:

Il libro delle chiese abbandonate
(E' lóibar dal cisi abandunèdi)

Pagine tratte da: Tonino Guerra, Il libro delle chiese abbandonate, Maggioli editore, Rimini, 1988 (Premio Pasolini). (fonte)
La vala dal cisi biènchi

Agli era dòg al cisi biènchi ch'al spichéva dróinta la vala. Próima u s'è ròt i vóidar mal finèstri, pu tótt al pórti agli è dvénti fròli e i ciód i dindléva tra la chèrna fràida dagli asi crociféssi ch'agli era pini 'd béus.
Al s'è sfàti cl'an ch'l'à piuvéu tótta l'instèda fina a la próima fira 'd utòubar. U s'avdéva l'impalcadéura di ciód ch'i tnéva sò di pézz ad lègn e i féva una ròba trasparénta che paréva una telaragna. T'una zurnèda che e' vént e' féva se séri, l'à tach a vulè véa i ciód e u n è rèst gnénca l'òmbra dal pórti.
Quant che i gazótt i s'è mèss a fè gazàra alà dróinta, l'aria la era pina ad piumini ch'al caléva zò fina e' sulèr cme s'al cascnes dagli eli di anzal ch'i vuleva te sufétt.
E una nòta da sèch al cisi al s'è squaiè ma tèra tótti insén.
Un muntanèr che sta sòtta Badia l'èlza la mèna drétta se bastòun e u t'insègna zò tla vala di móc ad sas e calzinàz ch'i léus cmè la bèva dal luméghi.

La valle delle chiese bianche

Erano dodici le chiese bianche che spiccavano dentro la valle. Prima si sono rotti i vetri delle finestre, poi tutte le porte si sono infradiciate e i chiodi si muovevano tra la carne marcia delle assi crocefisse che erano piene di buchi.
Si sono sfatte quell'anno che è piovuto tutta l'estate fino alla prima fiera d'ottobre. L 'impalcatura dei chiodi sosteneva pezzi di legno che formavano una trasparenza di ragnatela. Un giorno di gran vento, i chiodi hanno cominciato a volare e non è restata neppure l'ombra delle porte.
Quando gli uccelli si sono messi a fare gazzarra là dentro, l'aria era piena di piume che calavano sul pavimento quasi cadessero dalle ali degli angeli in volo sul soffitto.
D'improvviso una notte, le chiese sono crollate tutte insieme.
Un montanaro che sta sotto Badia alza la mano destra col bastone e ti indica giù nella valle dei mucchi di sassi e calcinacci luccicanti come bava di lumache.

iziunérie
od ad dì

oesie
acùnt
ìbre

utori vari
òza
ucugian
olfo
ttore
igìn
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadén
vàn
uovo.1

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it è un servizio
Il vostro indirizzo IP è 34.228.38.35 State utilizzando CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/).