aggiornato il
2 Giu 2009

statistiche

i Lìbre

segnala libri dialettali

Tonino Guerra:

L'albero dell'acqua
(dedicato soprattutto a Ezra Pound)

Pagine tratte da: Tonino Guerra, L'albero dell'acqua, Libri Scheiwiller, Milano, 1992 (A cura di Luca Cesari). (fonte)
Un gòzzal d'aqua

Tótt' al vólti che da la Pènna
a vagh a Santarcànzal sla curira,
éulta Petraghéuda u i è una staziòun
abandunèda da zinquènt'an
senza piò al rudài davènti
indò ch'e' pasèva e' treno a scartamént ridótt
ch'l'avnéva sò da Rémin sla pózza de pèss
e pu e' turnèva sl'udòur dla móffa di furmai.

Ènca e' mi ba l'andéva sò e zò par la muntagna
próima se caval e dop s'un camiòun
ch'e' saltèva lòngh a la strèda pina ad béusi;
però s'e' féva la naiva e' muntèva se trenóin
e da chèsa nòsta Friz u i curéva incòuntra.

Mo piò di tótt da la curira a guèrd e' gabinòt
dri la staziòun cuért da una vóida americhèna
indò che i viazadéur i s ferméva a fè un gòzzal d'aqua.
I racòunta che un dopmezdè l'è smòunt un òm
nir comè e' carbòun e l'à dmand me chepstaziòun
un sgònd ad témp ch'l'eva bsògn da fè qualcósa alà
   [dróinta.
Dop u s'è savéu ch'l'era e' poeta Pound
ch'l'era stè a Santa Maria d'Antóigh
una matóina intira tla cisa a guardè
la stètua ad Luca da la Robbia, da par léu.

Un goccio d'acqua

Tutte le volte che da Pennabilli
vado a Santarcangelo in corriera,
dopo Pietracuta c'è una stazione
abbandonata da cinquant'anni
senza più le rotaie davanti
dove passava il treno a scartamento ridotto
che veniva su da Rimini con il puzzo del pesce
e poi tornava con l'odore della muffa dei formaggi.

Anche mio padre andava su e giù per la montagna
prima col cavallo e dopo col camion
che saltava lungo la strada piena di buche;
però se nevicava allora prendeva il trenino
e da casa nostra Friz gli correva incontro.

Ma piu di tutto dalla corriera guardavo il gabinotto
vicino alla stazione coperto da una vite americana
dove i viaggiatori si fermavano a fare un goccio d'acqua.
Raccontano che un pomeriggio è sceso un uomo
nero come carbone e ha domandato al capostazione
un secondo di tempo che aveva bisogno di far qualcosa là
   [dentro.
Poi si è saputo che era il poeta Pound
che era stato a Santa Maria d'Antico
una mattina intera nella chiesa a guardare
la statua di Luca della Robbia, da solo.

L'èlbar d'aqua

S'e' va un'instèda chèlda
ch'la póiga al fòi a testa d'inzò,
e' Marèccia l'è un èlbar d'aqua
si rèm ch'i sguélla tra la sasèra.
U n'éva tórt e' poeta se da d'in èlt
u i pareva che dróinta la vala
u i fóss agli òsi biènchi d'animèli mórt.

L'albero dell'acqua

Se va un'estate calda
che piega le foglie a testa in giù,
il Marecchia è un albero d'acqua
coi rami che scivolano tra la sassaia.
Non aveva torto il poeta
se gli pareva che dentro la valle
ci fossero gli ossi bianchi d'animali morti.

iziunérie
od ad dì

oesie
acùnt
ìbre

utori vari
òza
ucugian
olfo
ttore
igìn
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadén
vàn
uovo.1

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it è un servizio
Il vostro indirizzo IP è 34.236.190.216 State utilizzando CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/).