aggiornato il
2 Giu 2009

M Pzz
"E' fiul dla Giordana"

manda una letra M Pzz



di Rino Salvi - Santarcangelo


Giovanino

U saruglva, sla spiagia binca ad Igea, sla vsta nira tta sporca, tla sabia chl a jantrva dimparttt, s a di rogg... chi tandva drtt t e cr. Sta e bl slavd d zil, u saruglva e Vicri ad Satarcnzli parch i zdt an ad Giovanino, e su fradl, jra murt, fughd drointa claqua cira, pina ad znta ch'la fva e bagn; si su amig datnda chi naviva put f gnnt parch la curnta maledta la javoiva cip ma ttt e ingupl ti su zoir. Lult, s na gran fadiga, i sra svruc e jra scapp, lu n, l'ra stae cip e tirt z. Aiuto! a rugmi ma quei sla spiagia, du tr i s zirt cm per doi S'a vut!? un u s mss a rid J smpra via ad scarz sti burdlzz. Quant che i mi pi j tch e fnd, a m s zirt, vst la testa ad Giovanino and s e z d volti e pu pi gnent. E vulva e muscaun rss d bagnoin che finalmnt lavoiva capi, e pu daglilt e daglilt ancura, una gara generusa t binch di riflss chi fva ancura pi bl e cativ, tla su indifernza, e mr. Ma Giovanino u n gnra pi.
- Zdt an...e pu i dois chu j e Signaur! - E biascva qualcadun dri m, m e funerl.
Da che d e nst Vicri u n st pi lu: prs drinta un pansr ch'u n s' pi s-cilt.


Giovannino

Si rotolava, sulla spiaggia bianca di Igea, con la veste nera tutta sporca, tra la sabbia che gli entrava dappertutto, con dei lamenti che ti andavano dritti al cuore. Sotto il blu slavato del cielo, si rotolava il Vicario di Santarcangelo perch i diciotto anni di Giovannino, suo fratello, erano morti, affogati dentro quellacqua chiara, piena di gente che faceva il bagno; coi suoi amici attorno che non avevano potuto far niente perch la corrente maledetta li aveva presi tutti, e avvolti nelle sue spire. Loro, con gran fatica, si sono liberati e d erano scappati, lui no, era stato preso e tirato gi. Aiuto! urlavamo a quelli sulla spiaggia, due tre si sono girati come a dire cosa vuoi? Uno si messo a ridere Hanno sempre voglia di scherzare questi ragazzacci. Quando i miei piedi hanno toccato il fondo, mi sono girato, ho visto la testa di Giovannino andare su e gi due volte e poi pi niente. Volava il moscone rosso del bagnino che finalmente se nera accorto, e poi degli altri e degli altri ancora, una gara generosa nel biancore dei riflessi che facevano ancora pi bello e cattivo, nella sua iondifferenza, il mare. Ma Giovannino non cera pi.
- Diciotto anni...e poi dicono che c Dio! - Brontolava qualcuno vicino a me, al funerale.
Da quel giorno il nostro Vicario non stato pi lui: perso dentro un pensiero che non si pi sciolto.





I bomboloni

Riminii, stazione di Rimini! Lra la proima roba cha sintmi intnt che i freni i finiva ad fis-c, al porti di vaghun li sarviva e e marciap de terzo binario u simpiva dal vausi di raghzz chjanniva a scla a Rmni. Nun a i lascmi and e a s farmmi at chi gabintt sura e sotpasg. Lra ancura prst per and a scla e a stimi a l a di d patacdi intnt che Italo e cantva La donna mobile. Pu, lutun lutun, a s strasnmi dri al nsti bursi sla via Dante. Sbti prima de Dm, nun a zirmi a dstra e a s farmmi t piazl du che z u j i zardintt. A simi in qutri cha fmi al magistrli: Cece, Charli, Walter e m. Intnt chaspitmi la campanla Walter e cumprva du bomboloni e u jinfilva tla bursa. Cla matina avmi la Bracconi chla s fva italin. S e z sjcc ma che rigstri, s e z al testi ti bnch chli paroiva la ola te stadio. Viene... oggi voglio sentire... e icc dla prf jandva dins vrs la bi e pu la ci e pu...z ad scapda vrta finincva: Oggi viene Vaselli Walter. Porca putna! e fa Vasli batnd e pgn sla bursa e sura chi d pri bomboloni chi n vu gnenca e tmp ad squansss. Uuuu.... Vaselli cosa fai il lupo?. Non posso venire prof.. Come sarebbe non puoi venire?!.
No perch.... Walter lra dvnt rss cm un pivarun, sna mna u s lissva i cavll e sa cllta e stva tastnd drinta la bursa, l trat fra un libar ttt spatacd ad crema. Nissun e fiatva, sn jocc i ridiva e jandva da la bursa ad Vasli ma la fza dla prof., pu la sbacarda dla Bracconi che finalmnt la avoiva capi.
D uri te bagn, per d una ripuloida ma ttt che taca tach. M ludaur tla bursa e mi loibri ad Walter l arvnz, ludaur dla crema e dla nsta giovent.


I bomboloni

Riminiii, stazione di Rimini! Era la prima cosa che sentivamo intanto che i freni finivano di fischiare, le porte dei vagoni si aprivano e il marciapiede del terzo binario si riempiva delle voci dei giovani che venivano a scuola a Rimini. Noi li lasciavamo andare e ci fermavamo nelle cabine sopra il sottopassaggio. Era ancora presto per andare a scuola e restavamo l a dir due stupidaggini intanto che Italo cantava La donna mobile. Poi, molto lentamente, ci trascinavamo dietro le nostre borse sulla via Dante. Subito prima del Duomo, noi giravamo a destra e ci fermavamo nel piazzale dove oggi ci sono i giardinetti. Eravamo in quattro a far le magistrali: Cece, Charli, Walter e io. Intanto che aspettavamo la campanella Walter comprava due bomboloni e li infilava nella borsa. Quella mattina avevamo la Bracconi che ci faceva italiano. Su e gi con gli occhi su quel registro, su e gi le teste nei banchi che parevano la ola allo stadio. Viene... oggi voglio sentire... e gli occhi della prof. andavano dins verso la bi e poi la ci e poi... gi velocissimi fino in fondo: Oggi viene Vaselli Walter . Porca puttana! fa Vaselli battendo il pugno sulla borsa e sopra quei due poveri bomboloni che non hanno avuto neanche il tempo di scansarsi.
Uuuu.... Vaselli cosa fai il lupo?. Non posso venire prof. Come sarebbe non puoi venire?!. No perch.... Walter era diventato rosso come un peperone, con una mano si lisciava i capelli e con quellaltra stava tastando dentro la borsa, ha tirato fuori un libro tutto impiastricciato di crema. Nessuno fiatava, solo gli occhi ridevano e andavano dalla borsa di Vaselli alla faccia della prof., poi la risata della Bracconi che finalmente aveva capito.
Due ore nel bagno, per dare una ripulita a tutto quellattaccaticcio.
Ma lodore nella borsa e nei libri di Walter rimasto, lodore della crema e della nostra giovent.





E mict

La n gn la scla sta zbia matina, parch l cminz al vacnzi d Pasqua e m a s lbri da gdmi la mi ma cla fa la zambla. Rino, n u stam smpra t i p! la m dis intnt chla tra z e tulr. M a faz un pasitn indr, gist per cuntantla, pu a jarturni sta per avdi mi. La sdza la farina, pu la fa la mcia se bus t e mz: un p ad strt, tr qutri vi, e zcri, la dsa, un bisinn d lat e la cminza a mis-ci, a muci, a smin. La fa i filun, la i stnd t e padlun, la sbatt un trli duv e, sun pniln, la j stnd sura. Dp, sla curtla, la rs-cia bn, bn e tulr e, sa che p ad pasta chla armdia la fa e mict, un filunzn znin, znin, m... znin! S e padlun sla testa la Giordana la va, tr csi pi in z, m e faurni ad Bas-cn e m dri atnti chla n perda e mict ma la strda. U j un via vai ad dni te faurni chli n sta fermi un minud, li s d vausa, al prla, al cicra, a l s mv lizri, e pr chl i bla tra e nir di padlun e e zal dal zambli ancura crudi. Incv a t cla cunfusiun u i sta Bas-cn, se pancit binch e e brtt tla testa, che d lutma puloida me faurni z cld per mtt a cus i proim filun. Intnt la su moi la s mov, tra mez ad tot cla znta cm unandra chla pers i su anadrn, Elvira ad qua Elvira ad l, la dimpartot e la n gn da nisna paerta. Rino va m furni avdi se la zambla la prunta la m dois ta glng la mi ma. A vagh z ad chursa e a dmand ma lElvira se la zambla la cta. Vin a vd vrs mizd la marspnd sa cla vusna ad ml, zcurnd cm qui ad l de fiun. E mict a li mss s? ai dmand un p precupd. S s la marspnd ridnd m mss s nca e tu mict! Vers mezd andm a t la zambla, u j un udur t e faurni, m un udaur chu t vn via da magnla sbti, e mnch na fta, e mnch e mict! M u n gn gnnt da f, Oz la tropa clda, u n s p f al fti, la s sgardla tta, vndri la n s p magn parch l vziglia e drinta u j e strt. Sbdi. Sbdi t magn e mict e dmnga matina, chl Pasqua, u s mgna la zambla s luv benedtt. la m dis la mi ma sa chlaria da generl. Spta p Rino, fina sbdi gnnt da f. Quant cha vagh tla cambra a vgh i filun sura e cum cvrt sun til binch, a llz un bisinn, u s sint un udur!
Masd t e cantunzn u j nca e mict chu m gurda, e pr che rida... che patca!


E mict

Non c la scuola questo gioved mattina perch sono cominciate le vacanze di Pasqua e io sono libero di godermi la mia mamma che fa la ciambella. Rino, non starmi sempre tra i piedi! mi dice intanto che tira gi il tagliere. Io faccio un passettino indietro, giusto per accontentarla, poi le ritorno sotto per vedere meglio. Setaccia la farina, poi fa il mucchietto col buco nel mezzo: un po di strutto, tre o quattro uova, lo zucchero, la dose e un pochino di latte e comincia a mischiare, ad ammucchiare, a impastare. Fa i filoni, li stende nel padellone, sbatte un tuorlo duovo e con un pennellino glielo stende sopra. Dopo, col coltello, raschia ben bene il tagliere e con quel po di pasta che ha rimediato fa e mict, un filoncino piccolo, piccolo, ma... piccolo! Col padellone sulla testa la Giordana va, tre case pi in gi, al forno di Bas-cn e io dietro attento che non perda il mict per la strada. C un via vai di donne nel forno che non stanno ferme un minuto, si danno voce, volteggiano, chiacchierano, si muovono leggere, pare che ballino tra il nero dei padelloni e il giallo delle ciambelle ancora crude. In fondo a quella confusione sta Bas-cn, con la canottiera bianca ed il berretto in testa, che d lultima pulita al forno gi caldo per mettere a cuocere i primi filoni. Intanto sua moglie si muove, in mezzo a tutta quella gente, come unanatra che ha perso i suoi anatrini, Elvira di qua, Elvira di l, dappertutto e non c da nessuna parte. Rino va al forno a vedere se la ciambella pronta mi dice verso le undici la mia mamma. Vado gi di corsa nel forno e chiedo allElvira se la ciambella cotta. Vieni verso mezzogiorno mi risponde con quella vo cina di miele e parlando come quelli di l del fiume. Il mict lavete messo su? le chiedo un p preoccupato. S s mi risponde ridendo lElvira abbiamo messo su anche il tuo mict Verso mezzogiorno andiamo a prendere la ciambella cotta, c un odore nel forno, ma un odore che ti viene voglia di mangiarla subito, almeno una fetta, almeno e mict! Ma non c niente da fare: Oggi troppo calda, non si possono far le fette, si rompe tutta, venerd non si pu mangiare perch vigilia e dentro c lo strutto. Sabato. Sabato mangi e mict e domenica mattina che Pasqua si mangia la ciambella con luovo benedetto. Mi dice con quellaria da generale. Aspetta pure Rino, fino a sabato niente da fare. Quando vado nella camera vedo i filoni sopra il com coperti da un telo bianco, lo alzo un pochino, si sente un profumo!
Nascosto nellangolino c anche e mict che mi guarda e pare che rida... quel "patacca"!





E Landni

Tal qutri dla matina, pr frsch, quant che la prima luce de sul, tra i cantir ancura zal d grn midud da pch, la spazva vi lmbra dla nta, e cuntadin e tacva e parg ma R e Bun e u s mitoiva ar e grp de Pz. U s sintiva, ogni tnt, la su vusa, va l Roo! m la ra dalng, la n dva fastidi, lra cm na cantilena chla t dindlva e sn e, un d dop chllt, e zal e lasva e pst m e schur dla tra pna arvultaeda. Pu Ro e Bun j nd in pensiun e t e su pst u si mss un tratur. E cminzva tra lun e schur e landva avnti tt la nta pum....pum.... pum pum pum pum...
Chu jannss un azidnt! e mi ba lus-cva ruglndsi t e lt, circhnd ad durmi a la svlta, parch al tr e mz e duviva st s pr and a lavur me fabrch. M u n sdurmiva, pna tciudvi jcc pum... pum... pum pum pum pum... chal s-ciuptdi li t sinfilva t e zarvl. Stan la va mi parch, t e pst d e Landini, u j un Catarpiller che fa sn e rumur dun cmio: un brrrrrrr tt cumpgn, mai un scat, sempra e stss tun, oddo, qualche sgasda s, m sn ogni tnt, comunque ducda, senza narvus guasi chu i dispiasss, t vu mtt sa pum... pum... pum pum pum pum?Gnnca a zcrni!


Il Landini

Verso le quattro della mattina, con laria pi fresca, e la prima luce del sole che volava radente sui campi ancora gialli del grano mietuto da poco, il contadino attaccava laratro a Ro e Bun e si metteva ad arare la collina del Poggio. Si sentiva, ogni tanto, la sua voce, ma era lontana, non dava fastidio, e un giorno dopo laltro, il giallo lasciava il posto al bruno intenso e profumato della terra appena arata. Poi Ro e Bun sono andati in pensione e al loro posto ci si messo un trattore: il Landini. Cominciava al crepuscolo e andava avanti tutta la notte: pum....pum.... pum pum pum pum pum...
Che gli venga un accidente! il mio babbo sacramentava rigirandosi nel letto, tentando di dormire alla svelta, perch alle tre e mezzo doveva alzarsi per andare a lavorare alla fabbrica. Ma non si dormiva, appena chiudevi gli occhi: pum....pum.... pum pum pum pum pum... quelle schioppettate ti si infilavano nel cervello.
Questanno va meglio perch, al posto del Landini, c un Caterpiller che fa solo il rumore di un camion: brrrrr... vuoi mettere con pum... pum... pum pum pum?
Neanche a parlarne!





Per aggiungere o modificare i contenuti cliccare sul pulsante "accesso" in basso a destra, scegliere il proprio nome e digitare la password, seguire le istruzioni a video. (Eliminare il messaggio dopo la lettura)
iziunrie
od ad d

oesie
acnt
bre

utori vari
za
ucugian
olfo
ttore
ign
Pzz
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadn
vn

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it un servizio
Il vostro indirizzo IP 54.234.255.29 State utilizzando CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/).