aggiornato il
2 Giu 2009

statistiche

i Lìbre

segnala libri dialettali

Tonino Guerra:

Piove sul diluvio

Pagine tratte da: Tonino Guerra, Piove sul diluvio, Pietroneno Capitani Editore, Rimini, 1997. (fonte)
Luglio
Il sole rovente caduto a terra

Sabato 6 - Siamo arrivati ad Artek, centro internazionale di vacanza per la gioventù, sotto la guida attenta di Mikail Sidorenko. A piedi fino a Gurzuf, il borgo che si snoda per vari vicoli fino ad arrivare alle spiagge sassose. Le vecchie case tartare chiudono una parte di cielo con balconi di legno. In fondo a uno di questi vicoli, dopo un percorso su un sentiero di cemento granuloso, si arriva alla villa che Cechov comprò con tremila rubli nel '900 e qui iniziò a scrivere "Le Tre sorelle". Il mare si infrange contro le rocce di una baia protetta da uno sperone massiccio. La piccola loggia ripara dalla pioggia e dal sole e ti mostra il giardinetto con i due cipressi, il cespuglio di canne d'india e i fiori variopinti. Il richiamo di un gabbiano passato sulla casa ha dato vita anche al gabbiano di stoffa fissato sul tappetino appeso alla parete sulla quale si appoggia il lettuccio di ferro usato dal grande artista ammalato di tisi. Nel giardino ho cercato di fermarmi nei punti che avrebbe potuto scegliere lui e così, coi suoi occhi, ho visto il disordine del mare nella baia e le piante cariche di verde assolato.
  Dicembre
Con le parole delle favole sul fuoco

Lunedì 2 - Mi ero alzato dalla poltrona per andare a chiudere la porta socchiusa dello studio e mi sono fermato a guardare la parte della cucina che si intravedeva oltre la fessura. Da quella distanza i vecchi sifoni in fila sulla mensola erano macchie colorate molto festose nella luce grigia di quell'ambiente. Così ho scoperto un punto raro dal quale notare qualcosa all'interno della casa. Mi sono chiesto da quante angolazioni diverse avrei potuto scoprirmi.
T'una fofograféa d'un giurnèl
a m so vést al spali
e' paréva quèlli de mi ba.
In una fotografia su un giornale
mi sono visto le spalle
e mi parevano quelle di mio padre.
  Mercoledì 4 - L'altra sera la nebbia copriva la valle e arrivava ad appoggiarsi ai rami del nespolo proprio al di là dei vetri della finestra. Tutto era scomparso attorno a casa e i rumori avevano perso la loro nitidezza e correvano da qualche parte bagnati e con poca risonanza. O magari si allungavano come se qualcuno li tirasse per i capelli. Insomma stavo con gli occhi dentro a questa cenere e ogni tanto proiettavo fuori dalla memoria pensieri colorati.
...
  Domenica 15 - Ogni volta che qualcuno mette occhi nei segreti dell'universo e diminuisce il mistero che ci circonda, fa delle crepe nella traballante costruzione per sorreggere le mie incertezze assetate di oscurità. Più dubbi ci sono e maggiori sono le possibilità di rifugio per le menti impaurite. Non butto gli occhi nei vicoli della certezza.
Dal vólti ènca al mi poeséi
u m pèr dla ròba vècia...

U i vréa dal paróli s-ciolti
senza stória cumè ch 'a fóss
un òm che sta par murói
e intènt e'smòla
di saléut purséa me mònd.
A volte anche le mie poesie
mi sembrano roba vecchia...

Ci vorrebbero delle parole sciolte
senza storia come se fossi
un uomo che sta per morire
e intanto molla dei saluti al mondo.
  Giovedì 19 - La notizia della morte di Mastroianni mi è arrivata poco fa a Pennabilli ma non è stata una pugnalata al cuore perché già da mesi l'aspettavo e la soffrivo. Mi sono sentito pieno di stupore perché finalmente scoprivo il silenzio totale. Qualcosa che mi fioriva dentro e cancellava i rumori e i suoni del mondo, come stava facendo la neve davanti a me che cadeva nella valle.
iziunérie
od ad dì

oesie
acùnt
ìbre

utori vari
òza
ucugian
olfo
ttore
igìn
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadén
vàn
uovo.1

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it è un servizio
Il vostro indirizzo IP è 18.210.23.15 State utilizzando CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/).