aggiornato il
2 Giu 2009

statistiche

i Lìbre

segnala libri dialettali

Elvino Galluzzi:

Ultme lazagna

Biografia dell'Autore
Notizie sul Libro
Altre Opere
Fonte delle Informazioni

Pagine tratte da: Elvino Galluzzi, Ultme lazagna, Stampato da Tipo-Lito la Grafica, Cattolica, 1995.

 Primi anni '30.

Nella foto: Bruno Chelotti, Magnani, Cardellini, Magi, Bianchi e la Lancia Lambda.

da: "I Quatre fradel"

Tmasen, Manghin, Sidon e Basta l'era quatre fradel chi feva i mariner. Al più grand, Tmasen, L'eva quatr'an più ad Basta, ch l'era al più znen....[...]

 L'ex Viale Balneare ...[...] e quant tla testa us cmencia a furmes un pò d'fuschia, Tmasen, al più grand e giudizios di quatre fradel, al dicid ch l'è mei salpè l'encura pri arturnè al punt d'partenza, al trova d'acord anche Manghin, Sidon e Basta. Ma l'era già terd, non parchè al sol al stes pri andè in 

Cattolica ridotta una bagnaròla. Ferragosto 1976, straripamento del torrente Ventena.

 

sepoltura, ma parchè mai quatre fradel ui cmencia a fèi bus-bus la sgrignarèla, ch l'è un pò l'anticamera dna solida imbriegadura, e li gambie a sgambargè ognu'una pri cont su, com al suced ma j imbrieg...[...]

i si imbat t'una pattuglia ad carabinier

...[...] Tmasen ui rispond ch l'è quadre fradel e chi s-cema: Tmasen, Manghin, Sidon e Basta e che...[...]

interrogatorio del maresciallo

Articolo sul tema da poco apparso sul Resto del Carlino Con questo semplice proclama, il Comitato per l'erezione di Cattolica a Comune autonomo, ha inteso rivolgere alla cittadinanza tutta l'annuncio del lieto e tanto sospirato evento. ...[...] Ma sgnor comandanto, i nomi li o diciato, e ora glie li dicio di nuovo in italiano: Io, Tmasen, mi chiamo Tommaso como aveto inzcato voi prima, poio il mio fratello sgondo, Manghin, si ciamo Domenico, quelaltro, Sidon, se ciama Isidoro e il più giovne di anni ma più grando di altura, Basta, se ciama Sebastiano...[...]
...[...] Ma sgnor comandanto, como o dicio ai carabignero mio fratelo Basta, il più imbranado di noi quatro, lui a sgavsito una corda a sparguuno par tèra, là presa per la zima e la strasnava via pri portarla sora la nostra barca, ma lui non aveva sgavsito che atacata a la corda cèra na vacca che ciandava dietro senza mugnère. Noi, sgnor comandanto non potiamo portare una vacca sora la barca e il latte non laviamo bevuto gnanco quanto siamo stati cresciuti da nostra mamma, mi devo credere sgnor comandanto, como fossi vostro fiolo...[...]

Per la curiosità del cortese lettore il seguito a pagina 144 del libro che contiene vocaboli dialettali oggi poco usati o del tutto scomparsi, racconti efficacemente stesi con la lingua della gente del porto, racconti di periodi storici segnanti ed una raccolta di immagini della Cattolica di un tempo. "Ultme Lazagna" viene presentato dall'autore come l'ultimo "scaraboc", e l'impressione che ne lascia la lettura, che si alterna fra vivaci racconti e cenni storici, è quella di un tuffo nel passato Cattolichino lasciando che il coinvolgimento del lettore delinei quello scarabocchio che alla fine prende la forma definita e attesa della storia che in fondo lega ciascuno di noi.

iziunérie
od ad dì

oesie
acùnt
ìbre

utori vari
òza
ucugian
olfo
ttore
igìn
olari
ietro/Mino
ulinèra
abadén
vàn
uovo.1

licca!!!

per CONTATTARCI:

e-mail form EXPINA.it è un servizio
Il vostro indirizzo IP è 18.210.23.15 State utilizzando CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/).